MILANO EXPO 2015

Mangiare EXPO

Sei mesi di eventi a Milano nei quali il cibo sarà il protagonista, parliamone.Nell’ottica di sostenibilità , cibi sani, ci piace parlare di quei ristoranti/trattorie , inclusi rinomati stellati, che cercano di “fare cucina” in maniera alternativa e che sono, comunque, posti “raccomandabili”, almeno per noi. Di seguito la nostra selezione.
UN POSTO A MILANO in via Privata Cuccagna 2, CAPRA E CAVOLI in via Pastrengo 18 ( nel rinato quartiere dell’Isola ), FINGER’S GARDEN in via Giovanni Keplero 2, TAGLIO in via Vigevano 10, ERBA BRUSCA un paradiso verde in città in Alzaia Naviglio Pavese 286, uno dei più rinomati stellati in Italia, JOIA in via Panfilo Castaldi al 18, LE BICICLETTE in via Torti 2, LA DROGHERIA in via Plinio 6.

Muoversi EXPO

E’ importante sapere come muoversi in città durante questa manifestazione globale e così ci prendiamo la libertà di suggerire alcune possibili alternative ai mezzi pubblici.Forse questo è un ambito nel quale Milano è una città molto prossima alle grandi Metropoli Europee e compete con la sua Metropolitana quasi ad armi pari, ma per essere sicuri di arrivare dove si vuole nei tempi previsti vogliamo elencarVi alcune possibili alternative funzionali.
Prima di tutto il servizio per eccellenza rispettoso dell’ambiente ovvero la bicicletta, che con BikeMi permette di girare tutta la città in modo facile ed economico, molte le postazioni dove si possono affittare le bici sparse all’interno dei Navigli. Letzgo è una interessante app creata per l’auostop organizzato e sicuro in città. Car2go ed Enjoy due valide opportunità per affittare auto a tempo, con accesso gratuito al centro e parcheggi gratuiti. Per terminare Uber Pop uno dei sistemi di trasporto privato più sviluppati nel mondo e maggiormente contestato da tutti i taxisti dei diversi continenti “richiedi la corsa, viaggia e paga con il tuo telefono cellulare” così recita.

Divertirsi EXPO

Cosa fare, dove andare la sera e la notte per divertirsi a Milano.
Anche alimentazione sostenibile e divertimento sono poco compatibili, ci sembra giusto suggerire cosa fare a Milano in occasione di una Vostra visita all’EXPO. Concerti, locali, quartieri tipici, bar, dovunque si possono trovare opportunità di divertimento e allora ……buona serata !

”Ville e Giardini medicei in Toscana” nella lista del patrimonio mondiale UNESCO

Nel corso del 37° Committee World Heritage UNESCO, svoltosi dal 16 al 27 giugno 2013 a  Phnom Penh, è stato approvato l’inserimento delle “Ville e Giardini medicei in Toscana” nella Lista del Patrimonio Mondiale.

È stato un successo importante per la cultura italiana, ottenuto grazie alla collaborazione tra Regione Toscana, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, i Comuni e le Province dove sono localizzate le 12 ville e i 2 giardini, ed i privati proprietari di alcune ville.
Il prestigioso riconoscimento dell’ UNESCO onora l’Italia e la Toscana, ma oltre all’ onore vi è la consapevolezza che la Regione ha da oggi un dovere ed un impegno maggiori per la salvaguardia di beni che sono patrimonio dell’umanità.

During the 37th UNESCO World Heritage Committee meeting, which took place from the 16th to the 27th of June 2013 at Phnom Penh, it was approved that “The Medici Villas and Gardens in Tuscany” would be added to the World Heritage list.
It was a significant achievement for Italian culture, attained thanks to the collaboration between the Tuscan Regional Authority, the Ministry for Cultural Heritage and Activities and Tourism, the Municipalities and Provinces where the 12 villas and 2 gardens are located and the private owners of some of the villas.
This prestigious acknowledgement from UNESCO is an honour for Italy and for Tuscany, but as well as this they are aware that the Region now has a greater responsibility and obligation to safeguard the properties that hold World Heritage status.

Mostra: JING SHEN – L’atto della pittura nella Cina Contemporanea

L’atto della pittura nella Cina Contemporanea PAC di MILANO
10 Luglio 2015 – 06 Settembre 2015

Dipinti, grandi installazioni, disegni, sculture e video raccontano la specificità del gesto pittorico in Cina tra tradizione e contemporaneità.

Jing Shen (精神), forza interiore, ma anche consapevolezza del gesto.
Gesto che conferisce all’atto del dipingere nella cultura cinese un senso unico e profondo.
Una chiave di lettura che svela legami nascosti tra la tradizione artistica e le specificità dell’arte contemporanea in Cina.

La mostra, curata dal comitato scientifico del PAC, coinvolge oltre 20 artisti cinesi di diverse generazioni.
Attraverso quadri, grandi installazioni, disegni, rituali, sculture e video l’esposizione analizza la specificità del gesto pittorico e le tensioni e le integrazioni fra eredità artistica e influenze internazionali, dando vita a un nuovo canone di comprensione dell’arte contemporanea cinese.

Dal modo in cui la pittura può nascere e dialogare con la quotidianità (Lee Kit) al rifiuto di “chiudere” un dipinto in una sintesi tra tela e immagini in movimento (Li Shurui), all’applicazione della ripetizione (Ding Yi) e della velocità (Zhang Enli) nella creazione e continua ri-creazione dell’immagine pittorica.

Duomo di Siena – Iniziative 2015

L’Opera della Metropolitana, nel programmare l’attività culturale Divina Bellezza 2015, desidera fortemente mettere al centro la relazione tra Cattedrale e Città. Con l’obiettivo di mantenere viva l’unicità del legame che da sempre la cittadinanza nutre nei confronti della propria Chiesa Cattedrale, il Rettore Gian Franco Indrizzi propone una serie di momenti culturali gratuiti fortemente rivolti al pubblico locale con riflessioni, approfondimenti e visite guidate.

La prima serie di appuntamenti richiama infatti l’attenzione di tutti i cittadini nati e residenti a Siena con “Il Duomo dei Senesi – un Febbraio all’Opera”.

Per tutto il mese di febbraio le scuole senesi di ogni livello e grado potranno partecipare a incontri didattici gratuiti su argomenti che spaziano dalla pittura alla scultura, dalla storia ad aspetti più specifici, come il Pavimento del Duomo di Siena.

I percorsi didattici denominati Opa Edu saranno condotti da storici dell’arte. Sempre durante tutto il mese di febbraio, ogni sabato l’Opera della Metropolitana offre la possibilità straordinaria di effettuare il percorso Porta del Cielo ad una tariffa agevolata rivolta esclusivamente alle famiglie senesi.

Il tour Opa Family prevede una visita guidata ai sottotetti della Cattedrale con la possibilità, per chi ha figli minori, di abbinare successivamente ed in maniera autonoma il percorso Animal Stickers.

Per le domeniche di febbraio, invece, l’Opera del Duomo ripropone, dopo il successo della passata edizione, “Il Saloncino – Un tè all’Opera” durante il quale sarà possibile, gratuitamente per i residenti, assistere a conferenze inerenti specifici argomenti relativi alla storia del Complesso Monumentale e degustare pregiati tè provenienti da tutto il mondo in un’atmosfera che richiamerà i circoli culturali inaugurati da Vittorio Alfieri proprio all’interno del Museo dell’Opera:
1 febbraio Gian Franco Indrizzi, Rettore dell’Opera della Metropolitana, si presenta alla Città
8 febbraio Tarcisio Bratto e la scoperta della Cripta sotto il Duomo
15 febbraio Gioachino Chiarini ed il SATOR del Duomo di Siena
22 febbraio Marilena Caciorgna ed il Mosè di Domenico Beccafumi.

A partire dal 1 marzo, Dialoghi 2015, propone, nella Cripta sotto il Duomo, «Nutritevi dell’amore di Cristo” con l’esposizione della tela di Francesco Vanni “Santa Caterina da Siena beve dal costato di Cristo”. Il capolavoro dell’arte senese della fine del XVI Sec. sarà esposto al grande pubblico fino al 31 ottobre e verrà presentato, in chiave spirituale, in relazione alle tematiche legate alla nutrizione alla base dell’esposizione universale 2015 di Milano. Nel giorno della nascita e della morte di Santa Caterina, rispettivamente nei giorni 25 marzo e 29 aprile, nella Cripta sotto il Duomo verrà illustrata ai cittadini l’opera d’arte anche attraverso le lettere della Santa senese.
Ormai giunta alla sua quarta edizione, Lux in Nocte 2015, rappresenta al meglio la volontà di rinsaldare il legame dei senesi verso la propria cattedrale. Una serata evento che quest’anno, nel celebrare il solstizio d’estate, continuerà, attraverso la tradizionale apertura notturna dell’intero complesso museale, a proporre percorsi dove le varie discipline artistiche si incontrano tra suggestioni visive, musicali, danzanti. Il tema dell’Expo 2015 sarà, per quest’anno, al centro delle
performance legate alla spiritualità e all’anno Eucaristico della Diocesi. Tra gli appuntamenti ormai consolidati negli anni, il Museo dell’Opera propone “I Notturni
dell’Opera” aperture straordinarie tra arte fede e astronomia: dal Facciatone del Duomo Nuovo, si potranno osservare, attraverso specifica strumentazione, particolari momenti di combinazione astrale.
L’evento unico, previsto eccezionalmente per l’anno dell’Expo 2015, sarà “La scopertura del pavimento della Cattedrale” per tutto il mese di luglio per unire la “Divina Bellezza” di questa opera d’arte unica al mondo al tema ”Nutrire il pianeta, Energia per la Vita”. Il Mosè che fa scaturire l’acqua dalla roccia, rappresentato da Domenico Beccafumi davanti all’altare Maggiore, culmine del percorso iconografico e simbolico del pavimento si collega al messaggio dell’acqua
come fonte di vita. Le tarsie saranno visibili anche dal 18 agosto al 27 ottobre con visite guidate, appuntamenti straordinari di approfondimento ed eventi correlati al tema.
Infine, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Siena, verrà riproposto il progetto “Chiese aperte”.
Visite guidate, da maggio ad ottobre, al patrimonio artistico conservato all’interno delle numerose chiese e basiliche cittadine che per anni o non sono state aperte al pubblico o semplicemente non sono state oggetto di approfondimento e dibattito.
Allo studio dell’Opera della Metropolitana c’è, in più, la fattibilità di creare spazi di accoglienza per turisti e senesi. Sulla Via che porta al Duomo si trova il Ricreatorio Pio II, più comunemente chiamato “Il Costone”. Rendere questo spazio un luogo dove poter svolgere tutte le attività collegate al Complesso museale del Duomo di Siena, potrebbe dare la spinta per la creazione di un vero e proprio Orto Urbano, centro propulsore di cultura, accoglienza, intrattenimento a servizio
della Cattedrale senese e punto di riferimento per tutta la Città.
“Divina Bellezza 2015” è promosso dall’Opera della Metropolitana di Siena con l’organizzazione di Opera – Civita Group

Info e prenotazioni
0577/286300 – opasiena@operalaboratori.com – www.operaduomo.siena.it